Error. SQLSTATE[42000]: Syntax error or access violation: 1064 You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ''turismo-e-citta''' at line 1
Error. SQLSTATE[42000]: Syntax error or access violation: 1064 You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ''turismo-e-citta''' at line 1
Comune di Licenza - Portale Istituzionale - Sito Ufficiale
Via Don Minzoni, 12 - 00026 Licenza (RM)     |     servizidemografici.licenza@legalmail.it     |     0774 46031
Error. SQLSTATE[42000]: Syntax error or access violation: 1064 You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ''turismo-e-citta''' at line 1
  • lang0

Museo Oraziano

 

Piazza del Palazzo
Chiusura: lunedi
Orario: 10.00 – 12.00 / 15.00 – 18.00

Il materiale archeologico
L’Antiquarium di Licenza ospita la gran parte dei materiali archeologici raccolti negli scavi condotti da Angelo Pasqui sul sito della Villa di Orazio a partire dal 1911. Allo stesso studioso si deve il merito della creazione della piccola raccolta, che sistemò in una sala del palazzo baronale, ove si trova tuttora, con un progetto espositivo che vedeva i materiali scrupolosamente catalogati e ordinati a seconda delle classi di appartenenza e gli affreschi montati su pannelli di gesso con cornice lignea, secondo i dettami di una moda museografica assai diffusa in quegli anni e ben documentata, ad esempio dalle foto storiche delle sale del Museo Kircheriano e dell’Antiquarium Comunale di Roma.
Il materiale espositivo è integrato con pannelli e supporti didattici, utili a collocare il complesso della villa di Orazio e dei suoi arredi in una più corretta problematica stirica, archeologica e territoriale, con la speranza di rendere leggibile e fruibile per il vasto pubblico i contenuti espositivi. Nella prima sala ci sono quattro carte tematiche relative a Licenza e al suo territorio, ad illustrazione delle principali testimonianze storico-archeologiche delle fasi preistorica, romano-repubblicana, imperiale ed infine medievale.
L’allestimento dei materiali segue nell’esposizione alla presentazione di una serie di supporti didattici, grafici e fotografici, illustranti la planimetria del complesso, le sue diverse fasi edilizie e quanto di esso si conosca.L’esposizione è arricchita con una raccolta di calchi in gesso dei principali monumenti funerari a fregio dorico della Sabina.
La raccolta comprende elementi architettonici in marmo, "frammenti di capitelli corinzi, pezzi della decorazione interna della casa, essi sono costituiti da quattro capitelli corinzieggianti di lesena in marmo bianco, ornati con un rilievo molto basso, da due corone di foglie di acanto, un pezzo notevole è il bel lacunare in marmo bianco, il rosone centrale è decorato da un cespo di otto foglie di acanto, popolate da rane e granchi entro conchiglie", stucchi ed affreschi, frammenti di pavimenti e di mosaici, sculture e rilievi, iscrizioni funerarie, bolli e fistule acquarie in piombo, ceramiche e piccoli oggetti di uso quotidiano e di ornamento personale. Ben poco rimane, purtroppo, dell’apparato scultoreo della villa, documentato da frammenti di statue maschili a tutto tondo, sono andati infatti perduti alcuni pezzi da collezione, già editi da Lugli.
Al Museo Nazionale Romano è invece conservata una testa maschile di tipo ideale, dall’espressione austera e assente, incorniciata da una calotta compatta di riccioli schiacciati.
Fra gli oggetti di uso quotidiano , numerosi aghi crinali in osso, spatole, specilli, pinzette, chiavi, fuseruole e pesi da telaio.Un posto a sé meritano i numerosi frammenti di affreschi e di mosaici, cui vanno ad unirsi i pregevoli pavimenti musivi che ricoprono tuttora alcuni ambienti della villa di Orazio.

ultimo aggiornamento di Lunedì 03 Luglio 2017 16:22
Valuta la pagina - stampa